retrospettiva

Work

Retrospettiva di fine anno, semplice e per tutti

Il 2015 è agli sgoccioli; i progetti sono stati chiusi – non ancora tutti – e di acqua sotto i ponti ne è passata.
Non so te, ma questo è un buon momento per tirare un bilancio dell’anno passato. Non quello triste – ma importante – economico, con tutti quei numeri, ma quello più interessante.
Quel genere di bilancio di cui non sempre ti rendi conto stando a testa bassa facendo cose.

Nell’ultima retrospettiva ho sperimentato una visualizzazione nuova che ha dato risultati interessanti e la voglio condividere con te.

IMG_20151128_113116

Work

Networked Disney Model

Nell’ultima retrospettiva che ho facilitato è emerso un pattern interessante che ho sentito il bisogno di formalizzare. É uno strumento semplice e facile da riprodurre sia in altre retrospettive che in processi decisionali durante i meeting.

Networked Disney Model

Networked Disney Model

Work

Facilitare uno UX Book Club

Il 30 settembre in GNV si è tenuto uno UX Book Club sul tema del libro Lean UX di Jeff Gothelf. Creare l’agenda di un meeting può sembrare semplice. Combinare però il giusto mix di attività per far sì che la discussione scorra il più fluida possibile restando negli argini nel tema è tutt’altro che […]

Work

Le tue retrospettive sono un investimento o un costo?

retrospective.lifecylce

Retrospective lifecycle

“At regular intervals, the team reflects on how to become more effective, then tunes and adjusts its behaviour accordingly.” From Agile Manifesto

Le retrospettive sono uno strumento che un team utilizza per osservarsi e decidere gli eventuali esperimenti di miglioramento. Esse permettono di far emergere problemi impliciti, di osservarli in maniera – se possibile – analitica e decidere come gruppo dove andare, nell’intento di ridurre la probabilità di commettere gli stessi errori o di raggiungere un obiettivo collettivo. Non esiste un metodo univoco per organizzarne una e condurla. Ci sono diversi autori che stanno cercando di creare dei framework di attività, anche ludiche, per massimizzare il ROTI (Return Of Time Invested). Le retrospettive si possono applicare a più livelli di frequenza o dettaglio, oppure su soggetti diversi (un prodotto, un team, la relazione con un partner/cliente).

Cosa contraddistingue un meeting di retrospettiva da un costo ad investimento?